Altro che crisi di mezza età. Altro che vecchia gloria. Stavolta “Big Sexy” ha provato a flirtare con la storia, e per 8 inning sembrava davvero che potesse riuscire a conquistare il cuore della reginetta del ballo; una prestazione a dir poco straordinaria quella di Bartolo Colon contro i campioni del mondo di Houston, con il 44enne dominicano capace di portare un perfect game fino all’ottava ripresa. I sogni di gloria si sono spezzati prima sulla walk concessa a Carlos Correa e poi sul doppio battuto da Reddick, che ha messo fine anche al tentativo di no-hitter. Incredibilmente però, Bartolo non è riuscito nemmeno ad ottenere una win dalla sua strepitosa performance, poiché i Rangers hanno avuto bisogno degli extra inning per piegare gli Astros, trascinati da un mostruoso Justin Verlander.

Colon è stato semplicemente dominante per tutta la gara: fin da subito in fatti il pitcher dei Rangers ha messo in evidente difficoltà lo straordinario lineup dei padroni di casa, accumulando un numero considerevole di strikeout già dalle riprese iniziali. Il primo (e forse unico) rischio corso da Colon è arrivato sulla groundball battuta da Gurriel al quinto, palla che ha richiesto un ottimo doppio intervento da parte di Profar e Guzman, autore di una splendida giocata in prima base.

I Rangers erano già passati in vantaggio al terzo sul fuoricampo di Chirinos, e man mano che scorrevano i minuti l’atmosfera del Minute Maid Park diventava sempre più nervosa ed elettrica. La clamorosa prestazione di Verlander però ha permesso a Houston di restare aggrappata al match, mantenendosi ad un solo punto di distacco dai rivali di Arlington. Come detto, l’ottavo inning ha spento i sogni di gloria di Colon, riaccendendo di colpo gli ‘Stros: la walk di Correa, il doppio di Reddick ed infine il sac fly di Gurriel hanno improvvisamente rimesso in parità la gara, cancellando quanto fatto da Colon nelle riprese precedenti. Il bullpen dei Rangers però è riuscito a bloccare l’assalto di Houston e mantenere in parità la gara, nonostante un nono inning complicato.

Al decimo poi, gli ospiti hanno dato una svolta decisiva alla gara con il solito Chirinos: con Gallo e Guzman in base, il ricevitore di Texas ha battuto un pesantissimo 2-RBI 2B oltre la testa del CF MarisnicK, spingendo i Rangers sul definitivo 3-1. Una no-decision dolcissima quindi per Bartolo Colon, che brilla nel confronto con Verlander e tira fuori dal cilindro una prestazione semplicemente memorabile. 7.2 inning, 1 H, 1 ER, 1 BB e 7 K: non male per un ragazzo che ha debuttato nelle Majors nel 1997. 

(foto di copertina da cbssports.com)

rogerclemensDa qualche giorno circola in rete la clamorosa notizia, che potrebbe tranquillamente essere un fake, di un ritorno sul monte di lancio nella lega messicana di Roger Clemens, storico lanciatore che dal 1984 al 2007 ha diviso la casacca di Red Sox e Yankees, con due pause nelle franchigie di Toronto e Houston.

Logo Sabr

LE MODALITA' DI PARTECIPAZIONE ED IL PREMIO PER IL CONCORSO LEGATO AI QUIZ SABR SU MLB ITALIA

 

Venerdì 14 è stato pubblicato il ventitreesimo quiz SABR sulle pagine di MLB Italia; si tratta del quarto quiz del mese di febbraio, per una rubrica nata il 30 di novembre dietro esplicita autorizzazione di SABR USA. L'idea originale era quella di "riempire" in modo divertente e se volete anche "educativo" il vuoto che la post-season lascia in noi appassionati, e l'idea dei quiz a cadenza bi-settimanale, tra le tante altre, ci è parsa indovinata.

giantsWS12Per la seconda volta in tre anni, i San Francisco Giants si laureano campioni del mondo. Non c'è stata veramente storia per i Detroit Tigers, che non sono riusciti a vincere nemmeno una partita nella serie finale. Un attacco, quello dei Tigers, che è stata l'arma segreta per raggiungere le world series, ma che poi è stato bloccato completamente dall'espertissimo monte di lancio dei Giants.

millerparkPrendendo spunto un po' dal sito ESPN ed un po' da Wikipedia, ecco una lista dei fatti più strani della Major League Baseball 2012:

- A Milwaukee, Wisconsin, una partita è stata sospesa causa pioggia. Lo stadio dei Brewers, però, è coperto (vedi foto).
- I Pirates hanno battuto due back to back homerun colpendo lo stesso palo in fondo al campo.
- A Toronto si è giocato l'opening game più lungo della storia. La partita, giocata il 5 aprile, è durata la bellezza di 16 innings.
- I Kansas City Royals diventano la terza squadra a perdere le prime 10 partite della stagione sul diamante casalingo. Prima di loro, solamente i Seattle Pilots nel '69 ed i D-Backs nel 2004.

bumgarnerWSEvidentemente undici giorni di riposo hanno fatto bene, molto bene a Madison Bumgarner (nella foto), che dal monte di lancio di San Francisco porta i suoi Giants alla vittoria contro i Tigers, lanciando una vera e propria gemma da 7 inning, 2 valide concesse, 8 strikeout e 2 basi per ball concesse. Ci hanno pensato poi Casilla all'ottavo e Romo al nono (salvezza per quest'ultimo) a chiudere la partita senza che altre valide venissero concesse.

Sottocategorie

Le ultime news dai team MLB, dagli appasionati per gli appassionati. Rubriche monotematiche.

We use cookies to improve our website and your experience when using it. Cookies used for the essential operation of this site have already been set. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

  I accept cookies from this site.
EU Cookie Directive plugin by www.channeldigital.co.uk